Naras Su Diciu

In pedde anzena corrias largas

Con pelle altrui, strisce larghe
(Quando pagano gli altri ci si lascia andare a eccessi, si può largheggiare).
In other people skin, cut you larger strip.
( When other offer, take plenty, be free…)

A kontos male fattos si bi torrat

Sui conti malfatti si ritorna
(Quando i conti sono sbagliati e inevitabile che vengano ripresi)
When calculations are wrong, for sure will be mended

Kie iscultat in janna anzena males suos intendet

Chi origlia dalle porte, ascolta maldicenze su di se
(A dar credito alle voci che circolano si possono sentire maldicenze dirette contro se stessi)
People who overhear from other’s doors, gather their own evil
(Hearing gossip you can find slander against you)

Kie juget pane in saccu no e’ faddidu né maccu

Chi ha pane nel sacco, non sbaglia e non è matto
(Non può dirsi stolto chi agisce in modo previdente)
He who carried bread in his knapsack, is not wrong, nor fool
(a prevident person is not silly)

Chie riet in chenabura pianghet in dominiga

Chi ride il venerdì piange di domenica
He who laughs on friday, cries in sunday
(laugh today and cry tomorrow)

Su ‘inu est bonu servidore, ma malu mere

Il vino è un buon servitore, ma un cattivo padrone
Wine is good servant, but is a bad master

Su bisonzu pone’ su ‘ezzu a currere

Il bisogno fa correre i vecchi
(La necessità induce anche i vecchi a compiere azioni che richiedono energie)
Need compels the eldest to running fast

Ogni matta ‘e cardu li paret Nenardu

Ogni cespuglio di cardo, gli sembra Leonardo
(Tutto ciò che vede gli sembra ciò che cerca; ossia vede ciò che cerca in ogni cosa che guarda)
Every thistle looks like Leonard
(Everything he sees looks like what is looking for. That is he sees what is looking for in everything he looks)

Chie chenat binu immurzat abba

Chi cena col vino fa colazione con l’acqua
He who had wine for supper, has water for breakfast

Mezus  unu cossu in corpus chi no un’uttiu in terra

Meglio cento litri (di vino) in corpo che un goccio in terra
Better a barrel in the stomach, than a drop on the floor (obvious!)

Chie no ada itte faghere, su attu in culu ispizzat.

Chi non ha da fare, pettina il gatto nel sedere
(Chi non ha da fare, fà cose inutili)
Idle people comb the arse of the cat
( Idle people do things of no use)

S’abba curret a su mare.

L’acqua scorre verso il mare
(la fortuna aiuta chi già sta bene).
Water runs to wards the sea
(Money go where money is)

Prende s’ainu inue cheret su padronu

Lega l’asino dove ordina il padrone
(non discutere gli ordini ricevuti).
Tie-up the donkey where the master likes
(Obey orders blindly)

Ogni attapada est a su poddighe malu.

Ogni pestata è sul dito malato
(chi ha già guai, ne subisce altri).
Every blows strikes on the injured finger
(Luckless gets bad luck)

Bezzu mi lasses e giovanu ti ch’andes.

Possa lasciarmi vecchio e andartene giovane
(in risposta a chi scherza sull’età avanzata).
I wish you to let me old and go away young
(In replay to jokes about elderly)

Chie sezzit a caddu, est suggettu a ‘nde rùere.

Chi va a cavallo, rischia di cadere
(nel fare qualsiasi cosa ci sono dei rischi).
Whoever rides on horseback is subject to fall
(There are risks in everything)

Su cane iscottadu dae s’abba calda, timet finza sa fritta.

Il cane scottato dall’acqua calda, ha paura anche di quella fredda
(Le esperienze negative inducono a molta prudenza).
The dog who is scalded by hot water, fears the cold one too.
(The unfavourable experiences lead to more caution)

Su fàmene finza a còghere no est malu.

La fame fino alla cottura non è preoccupante
(ciò che si risolve in breve, non è preoccupante)
Hanger until bread is baked is not like starving
( Everything you can resolve quickly, is not worrying)

Pius t’ingruscias e pius su culu ammustras.

Più ti inchini e più mostri il sedere
(Rendersi troppo disponibili porta il prossimo ad approfittarne)
The more you bow, the more you show your bottom
( The more you submit, the more others take advantage)

‘Iscura a chie aisettat s’uttiu dae copertura anzena.

Povero colui che aspetta la goccia dal tetto altrui
(chi aspetta l’aiuto degli altri)
Unlucky is the man who looks forward to the drop from someone else’s roof
( That looks forward to someone’s help)

No nelzas mai de cust’abba no buffo.

Non dire mai “non bevo quest’acqua”
(Non disprezzare cose di cui potresti aver bisogno)
Never say “I don’t drink this water”
(Never despise all things that maybe you’ll need)

A paraulas maccas, orijas surdas.

A parole insulse, orecchie sorde
(Non dare ascolto alle sciocchezze)
Be deaf to silly words
(Don’t pay attention)

Inue cheret zappu, passat abba.

Dove vuole la zappa passa l’acqua
(Chi comanda ha il potere di fare ciò che vuole)
Water goes where hoe wants
(He who orders has the power to do what he likes)